Festival Federico Cesi 2012

Giunto alla sua quinta edizione, il Festival Federico Cesi, nato con lo scopo di porsi come punto di riferimento per la musica classica in Umbria, di anno in anno si è arricchito di proposte artistiche sempre più rilevanti, potenziando nel contempo la presenza sul territorio e l'attenzione dedicata ai giovani. Abbracciando un vasto territorio come quello delle Terre Arnolfe nella Bassa Umbria che si snoda fra le città di Acquasparta, Todi, Montecastrilli, Massa Martana, Avigliano Umbro e comprendendo anche la zona di Terni, Narni e San Gemini, il Festival Federico Cesi si pone l'obiettivo di coinvolgere un pubblico sempre più vasto, partendo dai giovanissimi fino agli adulti, con lo scopo di avvicinare le persone all'arte nella sua forma di musica e nelle sue infinite declinazioni. Infatti molti degli eventi hanno accesso gratuito onde permetterne la più ampia fruibilità, in linea con gli intenti divulgativi che animano l'Ass.Cult.Mus. Fabrica Harmonica, e, all’interno di un programma artistico di eccellenza, ampi spazi sono riservati all'esibizione di giovani talenti: ragazzi all'inizio di una brillante carriera concertisticaformazioni giovanili (cori ed orchestre) siaitaliane che estere e vincitori dei più prestigiosi Concorsi Musicali a cui è riservata la serie di concerti Fabrica Harmonica Giovani.

La proposta artistica per l'edizione 2012 del Festival Federico Cesi è ampia ed articolata: 15 giorni di concerti disseminati in tutta l'area di interesse della manifestazione per un totale di oltre 40 appuntamenti con due proposte giornaliere fisse alle 18.00 e alle 21.00. La Stagione verrà inaugurata con la Mostrasu “Federico Cesi e l'Illustrazione Botanica Italiana” seguita dallo spettacolo “Sagacius Ista” in cui verrà tentata una difficile sintesi tra la musica jazz del clarinettista Gabriele Mirabassi ed il testo dell'attore e regista Lorenzo Gioielli ispirato alla figura di Federico Cesi. Il Festival verrà concluso con la prestigiosa presenza di Emma Kirkby & the London Baroque, con un programma di musica rinascimentale ad omaggiare ancora la figura dell'ispiratore del Festival. La sezione solistica del Festival sarà aperta dal pianista statunitense Jerome Rose che si esibirà su un Pianoforte interamente costruito a mano, il Gran Coda Borgato, partner stabile della manifestazione, a cui seguiranno i recital del pianista Bruno Canino, del flautista Giuseppe Nova, di Pavel Steidl per la chitarra, Vadim Brodsky per il violino e ancora formazioni  tra le più prestigiose quali il Quartetto Cluster Four e l'Orchestra Giovanile di Roma solo per citarne alcuni. Sabato 25 agosto prenderà il via la Maratona Guitar h24 no-stop a cui parteciperanno oltre 100 chitarristi, ripresa in diretta e trasmessa on line su FH-TVChannel e scaricabile on-demand.

Al Festival Federico Cesi si affianca un articolato progetto didattico musicale, Fabrica Harmonica Summer College, consistente in Corsi di Alto Perfezionamento, Masterclass, Workshop e Laboratori dedicati a ragazzi diplomati all'inizio della carriera concertistica. La contestualità tra proposta concertistica e proposta didattica è pensata per raggiungere fini dall'alto valore educativo: i giovani, immersi in un'atmosfera densa di stimoli artistici, sono fortemente motivati nel raggiungimento dei loro stessi obiettivi. Ogni anno il Festival ospita oltre 60 Docenti di altissimo livello, provenienti da tutta Europa e America. In questa edizione 2012 è da segnalare una ancora maggiore volontà da parte di Fabrica Harmonica nel voler collegare strettamente gli ambiti didattico e concertistico, finalizzando lo studio alla produzione musicale: ne sono esempio lampante “Working Opera Studio”, in cui il lavoro delleclassi di Alto Perfezionamento di Canto sarà finalizzato ad un vero Laboratorio Operistico per alcune rappresentazioni del "Così fan tutte" di W.A.Mozart, con scene, costumi e orchestra sinfonica preparata da Lior Shambadal, direttore stabile dei  Berliner Symphoniker, come anche "Umbria Cantat", laboratorio corale volto alla conoscenza e approfondimento della produzione musicale sacra italiana. Il programma dell'edizione 2012 in particolare si dedica allo studio della produzione musicale dalla metà del '500 ai primi del '700, esplorando anche autori umbri come Felice Anerio e Angelino Bontempi, culminando con il concerto di fine corso in cui si eseguirà il Magnificat di Antonio Vivaldi per soli, coro e orchestra.

Il Festival Federico Cesi, nell'edizione 2012 si arricchirà di una serie di concerti che si svolgeranno nella territorio delle Terre Arnolfe, sede elettiva del Festival, a Terni e Perugia nei mesi di giugno e luglio denominata Anteprima Festival. Le location selezionate saranno luoghi prestigiosi della regione Umbria, come il Palazzo della Provincia a Perugia, la Basilica di Santa Cecilia ad Acquasparta (TR), la Chiesa della Nunziatina di Todi, la Chiesa di San Francesco a San Gemini. I concerti spazieranno tra vari generi musicali, con predominanza del repertorioclassico, ma strizzeranno l'occhio anche al jazz e alla musica popolare. Tra i protagonisti della serie di anteprima si esibiranno il pianista Marco de Gennaro, che ha già al suo attivo collaborazioni con Javier Girotto; il duo Pellegrini-Palamidessi, voce e chitarra; Rosario Cicero con l'ensemble di chitarre barocche e percussioni. Per la sezione jazz, che prenderà il via da Terni pressola Sala Interamna del Caffè del Corso, sono previsti concerti con cena partire dalle ore 21.00 che ospiteranno artisti affermati e giovani talenti emergenti. Il progetto CESI'nJAZZ si lega con il tema generale della manifestazione coniugando in modo del tutto nuovo ed innovativo il jazz alla musica antica: collezionare una serie di nuovi standard jazzistici ispirati alle melodie più famose della musica barocca, in omaggio a Federico Cesi, e farne poi un CD. 

L'Ass.Cult.Mus.Fabrica Harmonica è attenta anche alle esigenze dei più piccoli, per questo motivo, nei giorni che precedono il Festival Federico Cesi, giovani studenti di musica dai 7 ai 17 anni, sono ospitati nel Musicampus, Campus Europeo a tematica Musicale. La settimana di studio viene sempre finalizzata alla messa in scena di un lavoro d'insieme, che vede protagonista sia l'orchestra giovanile che il coro di voci bianche del Campus. Nell'edizione 2012 verrà messo in scena un riadattamento del "Piccolo Principe" di A. De Saint-Exupèryper soli, voce recitante, coro di voci bianche ed orchestra giovanile, appositamente elaborato da A.Pellegrini e S.Palamidessi, con musiche originali di Angelo Bruzzese. La rappresentazione sarà il culmine del Musicampus Festival: una serie di concerti dedicati ai ragazzi, che si svolgeranno dal 23 al 29 luglio principalmente ad Acquasparta (TR) nell'Auditorium della Casa della Cultura Matteo d'Acquasparta e a Todi in varie locations.

Lo scopo che l'Ass.Cult.Mus. Fabrica Harmonica si propone è quello di far vivere agli spettatori un'esperienza del bello, sotto ogni aspetto, coinvolgendo ciascuna delle percezioni sensoriali, dall'udito alla vista, al tatto fino ad arrivare al gusto. Il Festival Federico Cesi è strettamente legato al territorio che lo ospita, ed uno degli obiettivi principali della manifestazione è quello di far scoprire e vivere l'Umbria, le suetradizioni, la sua produzione culturale, le sue bellezze, ad un pubblico sempre più vasto ed appassionato dell'unicità di questa terra, fortemente radicata nel passato ma proiettata con forza nel futuro. Il Festival Federico Cesi, quindi, per sua vocazione, unisce la propria proposta artistica al Territorio, favorendo un sostanziale ampliamento della domanda legata al Turismo, sviluppando così l'economia locale rivolta a visitatori sia italiani che stranieri, contribuendo a promuovere il territorio Umbro in ogni suo aspetto e dedicando particolare attenzione al lato enogastronomico e all'offerta di prodotti genuini e di alta qualità di cui è ricca la nostra regione. Anche per questi motivi il cartellone, al termine dei concerti principali, programma degustazioni enogastronomiche offerte da aziende locali con prodotti tipici quali vini, olii, formaggi…riportando in vita il rito del Convivium, per offrire allo spettatore un momento unico, ricco di serenità e bellezza. La natura itinerante del festival, che ha la sua sede centrale ad Acquasparta e Todi ma si irradia in tutti i borghi e le città limitrofe, favorisce l'incentivazione e lo sviluppo dell'economia locale legata al turismo facendo scoprire al pubblico luoghi incantati e poetici della Bassa Umbria, anche al di fuori delle tappe più conosciute. Alcune tra le location più significative della manifestazione saranno il Palazzo del Vignola ed il Teatro Comunale di Todi, LaCattedrale San Giovenale di Narni, l' Auditorium Matteo D'Acquasparta ePalazzo Cesi ad Acquasparta, il Chiostro di San Francesco a Sangemini,  il Chiostro della Pace e la chiesa di Santa Maria in Pantano a Massa Martana.

Nel corso degli anni il Festival Federico Cesi si è caratterizzato per una sempre crescente importanza rivestita nei confronti dei principali media, comparendo sempre più spesso tra le notizie culturali dei TG RAI e delle principali emittenti televisive e radiofoniche regionali. La carta stampata, inoltre, ha rivolto sempre maggiore attenzione al Festival: testate regionali e nazionali come “La Repubblica”, “Il Tempo”, “Il Corriere della Sera, “Il Messaggero”, il "Corriere dell'Umbria", hanno dedicato ampi spazi alla manifestazione pubblicando con regolarità ottime recensioni degli eventi. Anche importanti riviste di settore italiane e stranieri quali Il Giornale della MusicaGuitartSuonare NewsMusica,SoundboardClassical GuitarPiano Time si sono interessate al Festival. Il Festival Federico Cesi, inoltre, ha una forte presenza sul web. Dal 2010 è stata attivataFabrica Harmonica TV Channel , che permette di seguire in live streaming i principali concerti ed i momenti più significativi della Manifestazione: quest’anno numerosi saranno gli eventi da poter seguire sia online che in modalità On Demand. In conclusione il Festival Federico Cesi si vuole affermare sia per la forza culturale delle proprie proposte, sia come nuova preziosa risorsa per l'economia locale di un'importantissima zona dell'Umbra ricca di storia e tradizioni.