Docenti Plucked Strings

SUSANNA BERTUCCIOLI arpa

Susanna Bertuccioli ha studiato presso il conservatorio “G.Rossini” di Pesaro sotto la guida di B.M. Monteverde. Si è perfezionata con M. Costello presso il Curtis Institute di Philadelphia, I.I. Roncea all’Istituto di Cultura Italiano a Bucarest e S. McDowell a Umbria Jazz. Ha vinto i primi premi assoluti del Concorso arpistico “Victor Salvi” e del Concorso “Petrini-Zamboni”. Dal 1982 al 1984 ha ricoperto il ruolo di Prima Arpa dell’European Comunity Youth Orchestra sotto la direzione di Claudio Abbado, collaborando parallelamente con l’Orchestra Giovanile Italiana. È dal 1985 Prima Arpa nell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. Nel corso della sua carriera ha collaborato inoltre con le Orchestre della Radio Svizzera Italiana, la London Sinfonietta, la Filarmonica Toscanini, la Filarmonica della Scala e infine, nel 2007, 2009 e 2014, su invito del Maestro Zubin Metha, ha suonato come Prima Arpa nella Philharmonic Israel Orchestra. Dal 2009 a oggi ha tenuto master class in Argentina, Brasile e Messico. Nel 2013 è stata invitata all’8° Festival Mondiale dell’Arpa di Rio de Janeiro e nel 2015 al 4° Festival Mondiale dell’Arpa in Paraguay. Dal 2001 ha realizzato una serie di incisioni: il CD per Arpa sola “Nevel” per la Beat Records con propri arrangiamenti, poi i due CD “Celtic Music” e “New Percussion” per RAI Trade, utilizzati dalla Televisione Italiana come colonna sonora di alcune trasmissioni. È attiva anche sotto il profilo didattico, come docente di Arpa presso la Scuola di Musica di Fiesole e tenendo masterclass riguardanti la letteratura italiana per Arpa in orchestra in Italia e in Europa.


STASA MIRKOVIC-GRUJICarpa

Staša Mirković-Grujić, MA won the Bachelor’s and the Master’s degree at Belgrade Faculty of Music Arts in the professor Milica Barić’s class. She specialized at Bucharest University of Arts in the class of the eminent harpist Ion Ivan Roncea,DA. She was winning the first prizes for the solo harp interpretation in Serbia and she is the winner of the special A.Z. Propes Prize at the most prestigious international harp competition – XII International Harp Contest in Israel. Organising concerts in Central and Southern European countries, she enriches the harp repertoire by the first-night performing of classical, jazz and ethno music. She played solo harp as a member of many home and foreign orchestras. Among the numerous recordings made for RTS, RTV, TVR, ERT and MTV, the most outstanding ones are the solo CD with the virtuosic repertoire “The Sound of Beauty“ (PGP RTS) and “The Stained Glass“ made in cooperation with the flautist Laura Levai Aksin (SKC Novi Sad). Ever since the setting up of the Harp department at Novi Sad Academy of Arts in 2007, she has been engaged as a senior associate together with her mentor Ion Ivan Roncea,DA. From 2009 on, she has been working as the manager of the Harp department with the title of a senior lecturer. At the same time she has been teaching at the Music school “Stanković“ in Belgrade. She is a longtime member of the World’s Harp Congress and she is striving to introduce modern trends and to improve the technique of playing and performing in Serbia. She won the Price for pedagogical work.  


MAURO SQUILLANTEmandolino, mandola, mandoloncello

Mauro Squillante, mandolinista, è considerato uno specialista negli strumenti antichi a plettro (mandolini e mandole, mandolone, colascioni, cetra), sul cui repertorio, organologia e prassi esecutiva conduce una costante attività di ricerca. Diplomato presso il conservatorio Pollini di Padova, ha approfondito i propri studi musicali con Hopkinson Smith e Crawford Young presso la Schola Cantorum Basilensis, Enrico Baiano, Federico Marincola, Emilia Fadini, Edoardo Eguez. Svolge una intensa attività concertistica in Italia ed all’estero esibendosi da solista, in duo col clavicembalista Raffaele Vrenna, insieme al quale ha fra l’altro preso parte al Festival Scarlatti di Tokyo, in trio con l’arpista Mara Galassi e il soprano Marinella Pennicchi, con le quali ha inciso per la Stradivarius un cd di prossima uscita, e con gli ensemble Lirum li Tronc, e Scherza l’Alma. Collabora inoltre con i Freiburger Barok Orchestra, la Venice Baroque Orchestra, la Cappella della Pietà dei Turchini, Arte dell’Arco, Dolce e Tempesta, Collegium Pro Musica, l’orchestra del Teatro S. Carlo, l’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e la Mozart Synphonietta, diretto fra gli altri da Renè Jacobs, Andrea Marcon, Peter Maag, Louis Bacalov, Antonio Florio, Gabriele Ferro. Ha inciso per le case discografiche Stradivarius, Harmonia Mundi, opus 111, Brilliant, Felmay - Dunya records, Bongiovanni, Niccolò, Oriente Musik, Vigiesse,. Ha effettuato inoltre registrazioni radiofoniche per la RAI e le emittenti radiofoniche e televisive francesi e tedesche. Dirige la collana di musiche per mandolino per la casa editrice musicale Mnemes - Alfieri e Ranieri Publishing di Palermo, ed ha inoltre pubblicato per la casa editrice Santabarbara. E' Presidente della Accademia Mandolinistica Napoletana, associazione riconosciuta per il proprio fondamentale apporto alla rinascita del mandolino a Napoli. Insegna Mandolino e strumenti a plettro storici nei Corsi di Musica Antica di Urbino organizzati dalla Fondazione Italiana per la Musica Antica. E' docente di mandolino presso il Conservatorio "Piccinni" di Bari.


AMADEUS GUITAR DUO, chitarre

Amadeus Guitar Duo, Dale Kavanagh (Canada) e Thomas Kirchhoff (Germania), suonano insieme dal 1991. Da allora, sono molti i compositori che hanno scritto opere appositamente dedicate all’Amadeus Guitar Duo, tra cui Stephen Dodgson, Gerald Garcia, Harald Genzmer, Jaime Zenamon, Roland Dyens, Stephen Funk-Pearson, Christian Jost e Carlo Domeniconi, Negli ultimi dieci anni, hanno tenuto più di 1.300 concerti in 60 paesi tra Europa, Asia, Stati Uniti e del Sud America , pubblicando quattordici CD per le etichette NAXOS, Haenssler Classic e FONO. Vantano registrazioni radiofoniche e televisive per le più prestigiose emittenti internazionali quali BBC, CBC, ZDF, WDR, TRT, RTL . Dediti soprattutto al repertorio di musica da camera, si esibiscono anche con orchestre e sono soliti eseguire concerti di Joaquin Rodrigo, Roland Dyens, Genzmer, Carlo Domeniconi, Jaime Zenamon, Gerald Garcia, Christian Jost and Herchenröder. Si esibiscono con importanti orchestre internazionali come la  Prague- Munich e Mannheimer Chamber Orchestra, la Philharmonia Hungarica, la President Orchestra Ankara, la Philharmonic State Orchestra Halle, la Prague Chamber Orchestra, l’ International Philharmonic Orchestra and la Kurpfälzische Kammerorchester Mannheim, la Mainzer Chamber Orchestra e la  Thuringen Philharmonic Orchestra. Sono stati invitati a suonare in tutto il mondo in paesi come Canada, Stati Uniti, Cina, Tailandia, Inghilterra, Olanda, Lussemburgo, Turchia, Liechtenstein, Romania, Grecia e Germania. Hanno fondato uno dei più importanti e prestigiosi Festival della Chitarra d' Europa l' International Guitar Symposium Iserlohn. Corde di D’Addario, instrumenti di Antonius Müller, Germania e Kenny Hill, San Francisco.


 

FRANK BUNGARTEN, chitarra

Frank Bungarten is a classical guitarist from Germany. Born in Cologne in 1958, Bungarten had his early influence of Guitar music when he was a teenager. In 1981, he got noticed in the international guitar scene, when virtuoso guitarist Andrés Segovia honored him with the first prize at the Guitar Competition of Granada, combined with an extensive concert tour of Spain. To date, he has performed in more than 40 countries. Among his recordings, “J.S.Bach ~ Sonatas and Partitas for Violin solo”, got serious recognition. Although he is often regarded as a Bach expert on the Concert Guitar, Bungarten claims to love and play a wide & diverse repertoire.Under the influence of rock music of the 60s, 10-year-old Frank had picked up his first Guitar. His first teacher was a Paraguayan virtuoso named Carlos Baez, a temporary resident of Rhineland. Frank played his first gigs as a guitarist when he was just 13 years old in a band formed by teachers and his school. His passion for jazz led him to learn self-taught tenor and soprano saxophone. Despite his later career as a classical musician playing the Classical guitar, he has always regarded John Coltrane as one of his towering influences. Bungarten had studied Music at the Academy of Music Cologne. After musical training with Karl-Heinz Bottner and Hubert Käppel and a master class with Oscar Ghiglia in Italy he slowly worked on his own artistic voice and direction on his principle instrument,which is the Classical Guitar. In addition to the guitar he has played the saxophone with his group "Extempore", a free improvised music with numerous engagements in radio productions, festivals and jazz clubs. After a second place at the Federal University Competition in 1981, he met with serious success the same year when Andrés Segovia awarded him first prize in the Guitar Competition in Granada, combined with a tour of Spain. Immediately following his studies (graduating with distinction), he commenced his career as a University lecturer and has been performing as a soloist in almost all countries throughout Europe and the Americas. Till date, he has played as a soloist in over 40 countries, including the ones that are commissioned by the Goethe Institute. He has played at the Berlin Philharmonic, the Arts and Convention Centre Lucerne, the Gasteig Munich, the Salzburg Festival, Schwetzingen Festival, the Schleswig-Holstein Music Festival, MDR Music Summer, the Lower Saxony Music Festival and International Guitar Festivals of the Mediterranean, Scandinavian, Indian and many more. Frank has won two Echo awards for his outstanding stylistic versatility on the Modern Classical Guitar.


ROSARIO CICERO, chitarra barocca
Interprete del repertorio antico per chitarra, ha delineato nel corso della sua attività concertistica, un originale stile esecutivo, sintesi di una costante ricerca delle tecniche strumentali e dell’estetica dell’epoca. Le sue esecuzioni, su copie fedeli di strumenti del ‘500 e del ‘600, hanno portato alla luce rare pagine di manoscritti e codici spesso dimenticati e mirano a restituire l’originario spirito delle antiche ‘intavolature’ per chitarra, svelando sempre vive e attuali analogie con il passato e la tradizione. La sua formazione musicale, completata nei corsi internazionali tenuti da Hopkinson Smith (Estoril, Tours, Roma), si è emancipata nel costante contatto con Giuliano Balestra, sotto la cui guida si è diplomato in chitarra e avviato allo studio della musica antica. Tiene regolarmente conferenze, seminari e corsi di interpretazione presso Accademie e Conservatori di Stato sulle musiche per chitarra del XVI° e XVII° sec . Esibitosi in importanti teatri nazionali ed esteri (Spagna, Stati Uniti, Francia, Croazia) ha effettuato registrazioni per la Discoteca di Stato e per la RAI (concerto in diretta radiofonica dalla Cappella Paolina del Quirinale) ed ha inciso per la casa discografica B.M.G., per la PLAYGAME, per la NICCOLO’ (GUITART COLLECTION) e, con la chitarra rinascimentale a quattro cori, per la OPUS 111 (premio Diapason d’oro con il progetto Napolitane ). Ha collaborato con l’etnomusicologo Ambrogio Sparagna su lavori teatrali e musicali, sottolineando le relazioni tra musica antica e stilemi della cultura popolare. Ha spesso proposto particolari strutture di concerto, creando interrelazioni tra poesia, musica e danza; ha inoltre svolto attività redazionale, scrivendo articoli e curando rubriche per riviste e periodici, tra cui GUITART e CHITARRE CLASSICA.


 

ADRIANO DEL SAL, chitarra
Allievo di Stefano Viola e Paolo Pegoraro, Adriano Del Sal studia all’Accademia “Francisco Tàrrega” di Pordenone e al conservatorio “J. Tomadini” di Udine dove si diploma con il massimo dei voti e la lode. Ha frequentato masterclasses con importanti concertisti e didatti quali David Russell, Manuel Barrueco, Stefano Grondona, Angelo Giardino, Alberto Ponce e Carlo Marchione. Adriano ha messo d’accordo le giurie di importanti concorsi nazionali ed internazionali vincendo ben 12 primi premi. La vincita del concorso internazionale “Julian Arcas” di Almeria (Spagna) gli ha dato la possibilità di incidere il suo primo CD solistico per la Radio Nacional de Espana. Nel 2003 ha ricevuto, nell’ambito del Convegno Internazionale di Alessandria, il prestigioso riconoscimento “La chitara d’oro” quale miglior giovane concertista dell’anno a livello internazionale. Nel 2004 ha vinto il primio premio al prestigiosissimo concorso internazionale “Città di Alessandria”, grazie al quale si è esibito in oltre 40 concerti in Italia, Russia e Stati Uniti. Svolge una intensa attività concertistica che negli ultimi anni lo ha visto invitato nei maggiori festival internazionali in Italia, Germania, Messico, Russia, Ucraina e Slovenia. E’ regolarmente invitato come membro di giuria in importanti concorsi nazionali ed internazionali e come docente tiene masterclass all’accademia di interpretazione chitarristica “F.Tarrega” di Pordenone e nei vari festival di chitarra sia in Italia che all’estero. Nel 2001, nell’ambito di un’intervista in un’importante rivista specializzata, David Russell lo ha citato tra i migliori giovani concertisti del momento. Nel 2009 ha vinto il primo premio, miglior interpretazione delle opere di Tarrega e premio del pubblico al prestigioso “Certamen Francisco Tarrega” di Benicassim, Spagna. Adriano Del Sal è uno dei più significativi giovani interpreti degli ultimi anni. L’eccezionale talento musicale e la profonda sensibilità artistica, così come il totale dominio tecnico dello strumento, rendono le sue interpretazioni davvero indimenticabili…un vero virtuoso della musica.


ANDREA DE VITIS, chitarra

Diplomatosi con il massimo dei voti presso il Conservatorio “Morlacchi” (Perugia) nella classe di Leonardo De Angelis, si è perfezionato presso la “Segovia Guitar Academy” di Pordenone sotto la guida di Paolo Pegoraro e Adriano Del Sal; ha frequentato masterclasses tenute da Oscar Ghiglia, Carlo Marchione, Arturo Tallini, Pavel Steidl, Carles Trepat, Frédéric Zigante, Piero Bonaguri ed altri. Negli ultimi anni ha vinto più di 35 premi in prestigiosi concorsi internazionali. Tra i primi premi si citano: Certamen Internacional “Julian Arcas” di Almerìa, Forum Gitarre Vienna, Budapest International Competition, Concorso Internazionale di Gargnano, Kutna Hora Guitar Competition, Concorso Internazionale Città di Mottola, Concorso Internazionale Claxica. Ottiene altresì il II premio al Concorso “A.Frauchi” di Mosca (I premio non assegnato), al Concorso “M. Pittaluga” di Alessandria e  al Sinaia International Competition, il III premio al Tychy International Competition, al Mercatali European Competition e al Rust International Competition. Per i suoi meriti artistici ha ricevuto la “Chitarra d’oro per la giovane promessa 2013” nell’ambito del XVIII Convegno Internazionale “Pittaluga” di Alessandria. La sua intensa attività concertistica lo ha portato ad esibirsi come solista in prestigiose sale da concerto in Italia e in Europa (Spagna, Austria, Germania, Paesi bassi, Polonia, Ungheria, Belgio, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Russia). Nel marzo 2015 è stato pubblicato il suo CD di esordio “Colloquio con Andrés Segovia” con l’etichetta Dot Guitar; il debutto discografico ha raccolto un grande successo di pubblico e critica (recensioni su Seicorde, Musica, Guitart, Szesc Strun Swiata). E’ molto richiesto come docente e giurato nell’ambito di prestigiosi festival chitarristici, in Italia e all’estero (Forum Gitarre Wien, Balatonfured Guitar Festival, Rust Guitar Festival, Gitarrenakademie Pforzheim, Kamermziek Hengelo, Falaut Campus, Concorso “Giulio Rospigliosi”). Andrea De Vitis suona una chitarra del liutaio belga Walter Verreydt e dal 2014 è D’Addario Artist.

 



GUIDO FICHTNER, chitarra
Guido Fichtner, milanese, è titolare della cattedra di chitarra presso il Conservatorio "Guido Cantelli" di Novara. Nel 1984 si è diplomato in chitarra con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio di Piacenza, con il M° Mauro Storti. Ha proseguito i suoi studi all’Ecole Normale de Musique "Alfred Cortot" di Parigi col M° Alberto Ponce, ottenendo nel 1985 il Diplôme Supérieur d’Execution e nel 1986 il Diplôme Supérieur de Concertiste. Nel 1987 ha vinto il 1° premio al Concorso “René Bartoli” di Arles (Francia), nel 1991 il premio “Francisco Tàrrega” a Benicasim (Spagna), nel 1987 il 1° premio al “G.B. Ansaldi” (musica da camera) di Mondovì in duo col chitarrista Rino Trasi, nel 1986 il 2° premio (con 1° non assegnato) al “Fernando Sor” di Roma. Altri premi inoltre al “E. Pujol” di Sassari, “E. Porrino” di Cagliari, “N. Fago” di Taranto, "Ville de Carpentras" (Francia). Nel 1993 a Trieste è risultato tra i vincitori del Concorso Nazionale, ad esami e titoli, per cattedre di chitarra nei Conservatori italiani. Svolge intensa attività solistica e cameristica. Ha tenuto circa 400 concerti in sedi e manifestazioni prestigiose di 31 Paesi del Mondo, fra cui: Salle Cortot di Paris, Städtmuseum di München, Teatro Coliseo di Buenos Aires, Teatro Lirico e Teatro delle Erbe di Milano, Konservatoriumssaal di Innsbruck, Università ELTE di Budapest, Zionist Cultural Centre di Jerusalem, Teatro Politeama di Palermo, Museo del Prado di Madrid, Teatro Raimondi di Lima, Festival di Colonia Tovar in Venezuela, Festival di Luxembourg, Autunno Musicale di Como, Burgerratssaal del Casinò di Bern, Consiglio d'Europa di Strasbourg, Rossini Opera Festival di Pesaro, Festival Internazionale di Chitarra di Ascoli Piceno, Bath International Guitar Festival di Bath. Ha fatto parte per 20 anni del Duo Paganini (insieme al violinista Fernando Antonelli) e del duo Les Deux Amis (col chitarrista-compositore Rino Trasi). Attualmente suona nel Guitalian Quartet con i chitarristi Claudio Marcotulli, Stefano Palamidessi e Maurizio Norrito. E’ inoltre chitarrista (e anche mandolinista) della formazione da camera I Solisti di Milano insieme al violinista Fernando Antonelli, il violista Emilio Poggioni ed il fisarmonicista Sergio Scappini. Particolarmente interessato alla musica moderna e contemporanea, ha tenuto a battesimo opere di Rino Trasi, Pierre-Petit, Mario Moretti, Irlando Danieli, Edgar Valcarcel, Pippo Molino, Patrice Challulau, Sergio Mauri, François Laurent, Erst Mahle, Jaime Gonzales-Piña, Sebastiano Zanetti, Gabrio Taglietti, Sergio Chiereghin, Luisa Indovini Beretta e Mauro Storti. Per la casa editrice Berben ha curato la revisione di due opere di Rino Trasi: Linea D'Ombra e Aliquid. Per la Casa Musicale Eco ha pubblicato l'integrale dei preludi di Tarrega (con CD allegato) e sono di prossima pubblicazione due raccolta didattica di musica contemporanea intitolate Topsy Torvy (con CD allegati). Ha insegnato al Conservatorio “Jacopo Tomadini” di Udine. Ha tenuto seminari, masterclass e corsi di perfezionamento in Argentina, Svizzera, Ungheria, Francia, Madagascar, Perù e Italia.



Il Guitalian Quartet, fondato nel 2006, è composto da solisti affermatisi nei più importanti Concorsi Nazionali ed Internazionali per chitarra i quali, nelle rispettive attività, hanno registrato per importanti etichette discografiche quali Dynamic, Opera Tres, Antes Concerto, Phoenix Classics, Tactus, Brilliant Classics, Nuova Era. Hanno effettuato numerosi passaggi televisivi e radiofonici per le principali  emittenti italiane ed estere; il loro primo CD, intitolato “Guitalian Quartet Live”, ha riscosso entusiastici favori di pubblico e critica. Si sono esibiti con successo nelle più prestigiose sedi concertistiche del mondo: dalla Salle Cortot di Parigi alla Triphony Hall di Tokyo, dalla Roy Thompson Hall di Toronto al Teatro Coliseo di Buenos Aires, dal Bath Festival in Inghilterra al Festival dei Due Mondi di Spoleto in Italia. Il quartetto, molto attento alle nuove frontiere musicali, è stato dedicatario ed esecutore in prima assoluta di opere di alcuni fra i più rilevanti compositori italiani quali Paolo Arcà, Giovanni Sollima, Fabrizio de Rossi Re, Carmelo Nicotra, Mauro Schiavone, Nicola Jappelli, Francesco Pennisi, Giorgio Mirto. In virtù del lavoro svolto nel campo della musica contemporanea italiana, l’etichetta di NY Bridge Records ha prodotto nel 2014 il CD del Guitalian Quartet “Contemporary Italian Music for Guitar Quartet”, accolto con grandissimo favore da tutta la stampa specializzata. All’attività concertistica, i componenti del quartetto affiancano l’attività didattica con Masterclass e la docenza in Conservatori italiani.

 

 



FRANCOIS LAURENT, chitarra
Inizia lo studio della chitarra con i Maestri Raphael Andia e Geneviève Chanut all’età di 10 anni, perfezionandosi in seguito con il Maestro spagnolo Alberto Ponce all'Ecole Normale de Musique "Alfred Cortot" di Parigi. Parallelamente agli studi di chitarra, segue i corsi di analisi e di composizione del M°Solange Ancona, presso il Conservatorio di Versailles, e i corsi di composizione di Musica da Film tenuti dal M° Laurent Petitgirard all'Ecole Normale de Musique "Alfred Cortot" di Parigi. Vincitore di alcuni tra i più importanti Concorsi Internazionali di chitarra (Benicàsim, Bordeaux, Carpentras, Sassari, Alessandria), svolge un'intensa attività concertistica (Belgio, Francia, Germania, Italia, Israele, Portogallo, Svizzera, Spagna, Stati Uniti, Argentina, Colombia), quale solista e componente di diverse formazioni cameristiche, oltre che come collaboratore della Cineteca di Bologna per la composizione di colonne sonore e la sonorizzazione dal vivo di film muti. La sua attività compositiva (edizioni Max Eschig e Editions d’Oz) è rivolta per lo più al suo strumento, per il quale ha scritto diversi brani per chitarra sola, studi, varie opere didattiche per ensembles di chitarre e brani cameristici per diverse formazioni. La città di Argenteuil (Francia), il trio “Polycordes”, l’ensemble chitarristico “Copla” e il “Festival des Jeunes interprètes” di Perpignan, gli hanno recentemente commissionato delle opere. Il “CDMC” di Parigi (Centre de Documentation de la Musique Contemporaine) ha dedicato una giornata di studi alle sue opere, all’interno della rassegna “Rencontres Compositeurs / Interprètes” . La sua attività musicale conta ormai diversi centri di interesse: - l’attività di concertista: quale solista e collaboratore con diverse formazioni di musica da camera, tra le quali il quartetto di chitarre “Opera Nova”. - la composizione e l’improvvisazione: per la casa editrice francese Max Eschig e in collaborazione con il cantante napoletano Guido Sodo per la sonorizzazione dal vivo di film muti. - la pedagogia: Assistente del M° Alberto Ponce all'Ecole Normale de Musique di Parigi fino al 2003, è attualmente docente ad Imola. Tiene regolrmente masterclass e seminari di interpretazione, improvvisazione oltre che corsi di approccio alle nuove tecnologie di “computer music”.


DALE KAVANAGH, chitarra

Canadian-born Dale Kavanagh is one of the guitar world's most gifted interpreters. Between 1986 and 1988 Ms. Kavanagh was a top prize-winner in Spain's Segovia Competition, Italy's Gargnano Competition, Switzerland's Neuchatel Competition and First and Special Prize winner in Finland's Scandinavian International Guitar Competition. Dale Kavanagh received her Bachelor of Music degree at Dalhousie University in Canada, and then completed her graduate studies with the Solisten Diplom at the Musik Akademie der Stadt Basel with Oscar Ghiglia in Switzerland.Dale Kavanagh performs internationally as a soloist and in the Amadeus Guitar Duo with German guitarist Thomas Kirchhoff and has given recitals in more than 40 countries. She is a regular recitalist and teacher in guitar and music festivals in Canada, Turkey, Poland, Germany, Holland, Sweden, Hungary, England, Argentina, Mexico, China and the United States and has given more than 850 concerts around the world. Many composers have written works for Dale Kavanagh such as Carlo Domeniconi, Roland Dyens, Jaime M. Zenamon, Stephen Dodgson, Stephen Funk-Pearson, Bruce Shavers, Christian Jost and Harald Genzmer. Her CDs have received superlative reviews in international magazines including Classical Guitar Magazine, Fanfare-Magazine, Fono-Forum, Hi-Fi-Vision, Gendai Guitar, Gitarre & Laute, La Cahir de la Guitare, Musikblatt, Staccato, Soundboard Magazine, Gitar och Luta and many others. She is teaching at the Musikhochschule in Detmold/Germany since 1999 and she is an exclusive artist with Hänssler Classic since 1999.



THOMAS KIRCHHOFF
, chitarra

Thomas is teaching at the Musikhochschule in Detmold since 2004. After having established one of the biggest and most prestigious guitar festivals in the world in Iserlohn/Germany, Thomas Kirchhoff organised the Acadia Classical Guitar Festival in Wolfville, NS, Canada. German born guitarist Thomas-Friedrich Kirchhoff studied at the Musikhochschule in Dortmund and then privately in London with British virtuoso David Russell from 1986 to 1987. Since 1986 he has given more than 800 concerts in over 30 countries (besides in the Amadeus Guitar Duo he played between 1989-1993 in the Ensemble Duo "Ars Vivendi" with German flautist Doris Dietz). He has produced eleven highly acclaimed CD's. Interviews with Thomas Kirchhoff and Dale Kavanagh appeared in Classical Guitar (2001), Gitarre & Laute (1996), Gitar och Luta (1999), Musikblatt (1994), Klassik Heute (2000), Akustik Gitarre (1998), Scala (1999) and Fono-Forum (2001). Prominent composers have dedicated Thomas Kirchhoff their works. Among them are concertos for two guitars and orchestra by Harald Genzmer of Munich and Gerald Garcia of Oxford. Works for guitar and flute and works for the Amadeus Guitar Duo have been written by a wide range of composers including Stephen Dodgson, Carlo Domeniconi, Roland Dyens, Jaime Zenamon, Martin Herchenröder, Toby Twining, Harald Genzmer, Peter Michael Hamel, and Christian Jost. In 1992 he founded the International Guitar-Symposion Iserlohn, Germany that is with more 220 students from 50 countries now one of the largest and most prominent international guitar festivals worldwide.



CARLO MARCHIONE, chitarra
Carlo Marchione e considerato dagli addetti ai lavori e dalla stampa specializzata come uno dei migliori chitarristi della giovane generazione. La sua formazione professionale, che spazia dalla musica classica al fiamenco, al jazz, gli permette di trovarsi a suo agio tra i più svariati stili musicali. Vincitore di numerosi Primi Premi in concorsi nazionali ed internazionali (Ancona 1979/80, Parma 1981, "Mauro Giuliani" 1982, "Ville de Sabié" 1985, Gargnano 1989, "N.Paganini" 1991, "Città di Latina" 1992) nel corso della sua carriera si é esibito (da solista, con orchestra e in svariate formazioni da camera) per numerosissimi Festival in tutta Europa (Italia, Spagna, Francia, Olanda, Inghilterra, Repubblica Ceca, Germania, Austria, Russia, Ucraina, Polonia, Romania, Svezia, Croazia). Nel 1997, in occasione di una tourneé in Russia, é stato invitato ad esibirsi nella prestigiosa Sala Grande dei Conservatorio "P. I. Ciaikovskij" di Mosca, nonché nella "Sala Glinka" della Filarmonica di San Pietroburgo. Nel 1998 ha tenuto il suo debutto alla Filarmonica di Berlino. Richiestissinio docente, tiene regolarmente masterclasses presso i più prestigiosi istituti musicali europei e presso i più importanti Festival europei. Nel 1997, in occasione del 200 anniversario della nascita di Franz Schubert, ha trascritto e inciso, insieme con il tenore C. Rosel, l'intero ciclo "Die schóne Mullerin". Del suo primo CD da solista (Teleman: 12 Fantasie per violino, Kreuzberg Records) la stampa specializzata ha scritto semplicemente "This is a disc in an hundred" (Classical Guitar). Le Fantasie sono pubblicate dalla casa editrice Suvini Zerboni. E' prevista la pubblicazione del secondo CD solistico (D. Aguado: Tre Rondò Brillanti e musiche di F. de Fossa). Carlo Marchione insegna attualmente presso la scuola di Alto Perfezionamento "F. Mendelssohn Bartoldy" in Leipzig (Germania). Carlo Marchione è professore al Conservatorio di Maastricht in Olanda.


 

CLAUDIO MARCOTULLI, chitarra
Ormai considerato uno dei chitarristi più interessanti della sua generazione, Claudio Marcotulli ha al suo attivo un curriculum di grande rilevanza artistica che lo pone sempre all’attenzione del pubblico e della critica ogniqualvolta si esibisce in concerto. Già fin dai primi anni di studio con M.Ialenti e M.Severi, mette in luce particolari qualità musicali e tecniche, vincendo tutti i concorsi nazionali per ragazzi della sua età ai quali partecipa, ed ottenendo ovunque unanimi consensi da parte del pubblico e delle giurie. Si diploma con il massimo dei voti e la lode, al conservatorio “L.Cherubini” di Firenze sotto la guida del Maestro Alfonso Borghese; prosegue gli studi alla “Ecole Normale de Musique” di Parigi con il Maestro Alberto Ponce, dove ottiene nel 1983 la “Licence Supérieure d’Execution Musicale” e, l’anno seguente, il “Diplome Supérieur de Concertiste” con le felicitazioni della giuria presieduta dal Maestro Alexandre Lagoya. Parallelamente alla Ecole Normale, segue corsi di perfezionamento con artisti di rinomanza internazionale quali A.Diaz, A.Lauro, J.Williams, e partecipa ad importanti concorsi internazionali vincendo, tra gli altri, il concorso “Città di Lecce” dedicato alla musica contemporanea nel 1981, il concorso “Ville de Carpentras”(Francia) nel 1983, il concorso “R.Bratoli” di Salon de Provence (Francia) nel 1984. Decisiva, per la sua carriera concertistica sarà, nel 1984, la vincita del primo premio assoluto e premio speciale per la migliore interpretazione di opere del compositore F.Tarrega, al concorso “F.Tarrega” di Benicasim (Spagna), uno dei più importanti concorsi internazionali per chitarra al mondo. In seguito a questa vittoria, ottiene tournées di concerti e registrazioni discografiche che lo consacreranno definitivamente nel panorama chitarristico internazionale. La sua attività concertistica lo porta oggi ad effettuare regolari tournées in Francia, Spagna, Belgio, Svizzera, Germania, Romania, Israele, Cina, Messico, Giappone, USA, affrontando un repertorio che spazia dal recital solistico, alla musica da camera, ai concerti per chitarra e orchestra. In qualità di solista, ha avuto occasione di esibirsi con orchestre quali l’Orchestra Internazionale d’Italia, l’Orchestra da Camera di Avignone, le Orchestra Sinfoniche di Iashi e Timisoara (Romania), l’Orchestra della GMI del Veneto, con direttori quali Donato Renzetti, Ennio Morricone, Ignacio Yepes, Christian Mandeal, Pedro Halfter, Diego Dini Ciacci, Ion Baciu, Alessio Vlad, Carmine Carrisi. Ha collaborato in varie occasioni con l’Orchestra Internazionale d’Italia, accompagnando il tenore Luciano Pavarotti. Ha collaborato inoltre nel 1995, con la Chamber Orchestra of Europe, nell’opera “Il Barbiere di Siviglia” di G.Rossini e nel 1999 con la “G.Malher Chamber Orchestra” nell’opera “Falstaff” di G.Verdi, in entrambe le occasioni, sotto la direzione del Maestro Claudio Abbado.

 



MAURIZIO NORRITO, chitarra
Maurizio Norrito è nato a Palermo, vive a Torino ed attualmente insegna al Conservatorio di Parma. Ha iniziato lo studio della chitarra con il M° Nuccio D’Angelo e si è diplomato con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio “Vincenzo Bellini” della sua città. Fondamentale per la sua formazione musicale è stato l’incontro con il M° Alberto Ponce sotto la cui guida ha conseguito il “Diplome Superieur d’execution” presso l’ “Ecole Normale de Musique – Alfred Cortot” di Parigi. Ha svolto attività concertistica solistica e da camera in Italia e all’estero prendendo parte anche a varie rassegne e manifestazioni internazionali tra cui il “Festival dei Due Mondi” di Spoleto. Ha suonato e collaborato con vari musicisti tra cui il direttore d’orchestra Spiros Argiris, il baritono Franz Ferdinand Nentwig, l’oboista Hans Jorg Schoellenberger, il violoncellista Vadim Pavlov, la cantante Milva e i chitarristi Claudio Marcotulli e Walter Zanetti. Attualmente suona spesso in duo con il chitarrista milanese Guido Ficthner e con il violoncellista Carmelo Nicotra. Ha pubblicato recentemente un CD dal titolo “Guitar Tangos Works”, prodotto dalla Minrecords di Pistoia. Vincitore del “Concorso Nazionale a Cattedre per i Conservatori di Musica”, dal ’94 è docente ordinario della Cattedra di Chitarra presso il Conservatorio “Vincenzo Bellini” di Palermo e viene spesso invitato a tenere masterclasses di chitarra in tutta Italia. Nella sua città è stato Direttore artistico di varie rassegne musicali, tra cui “Infinite corde” per il Comune di Palermo; è consulente artistico per le rassegne “Le sei corde” degli “Amici della musica” di Palermo e organizza dal ’98 iI Corso internazionale di perfezionamento chitarristico in Sicilia, tenuto dal M° Alberto Ponce, di cui è assistente. Suona con una chitarra Daniel Friederich, liutaio in Parigi.



MONICA PAOLINI, chitarra
Inizia lo studio della chitarra classica all’età di 10 anni, con il maestro Armando MARROSU, sotto la guida del quale si diploma al Conservatorio di Sassari nel 1985. L’anno seguente una borsa di studio della Regione Sardegna le permette di stabilirsi a Parigi e di seguire i corsi di perfezionamento del Maestro spagnolo Alberto PONCE all’Ecole Normale de Musique “Alfred CORTOT”. Qui consegue il “Diplome Supérieur d’Exécution” e il prestigioso “Diplome Supérieur de Concertisme”. Parallelamente segue i corsi di musica antica del Maestro Javier HINOJOSA, approfondendo lo studio del repertorio rinascimentale e barocco. Nel 1990 ottiene il I° premio al Concorso Internazionale “Ville de Carpentras” ed il I° premio al “Certamen International Francisco Tarrega” di Benicàsim, in Spagna, nel 1992 il 2° premio al Concorso Internazionale “Città di Alessandria”, tre tra i più importanti concorsi chitarristici a livello internazionale. Per la RAI, Radiotelevisione Italiana, ha scritto e diretto al microfono un programma interamente dedicato alla chitarra ed agli aspetti interpretativi del suo repertorio. Ha tenuto concerti in diversi paesi Europei (Italia, Francia, Spagna, Portogallo e Svizzera), sia come solista che in formazioni da camera, ottenendo notevoli riconoscimenti critici. Ha registrato un disco compact comprendente opere del novecento spagnolo (Turina, Ruiz-Pipo’, Pujol, Llobet, Tarrega, Salvador). al 2007 al 2009 ha studiato chitarra barocca con Rolf LISLEVAND presso la Musik Hochschule di Trossingen in Germania e cominciato la sua collaborazione con diversi gruppi di musica antica. E’ docente presso il Conservatorio di Musica “Francesco Venezze” di Rovigo.



STEFANO PALAMIDESSI, chitarra
Stefano Palamidessi was born in Rome in 1960; he got the guitar diploma at “S.Cecilia” Conservatory, studying at the same time composition and Musical Disciplines at the Bologna University. While winning a plenty national and international guitar contests (among them the "Mauro Giuliani", "Fernando Sor", "Emilio Pujol", "Nicola Fago", "Lagonegro" for contemporary music, "Città di Mondovì", "Città di Ancona" contests), at 20 he starts the concert career as soloist, with orchestra and in ensembles, playing through Europe, Africa and Asia. He collaborates with prestigious soloists, like Aldo Redditi, Renato Bruson, Camillo Grasso, Claudia Antonelli, Raffaele Mallozzi, Marco Fornaciari, Vadim Brodsky, Giuseppe Nova, Franco Mezzena, Massimiliano Pitocco and many others. He regularly gives concerts in prestigious halls and Festivals: Como Music Autumn, Rendano Theatre of Cosenza, Auditorium Conciliazione, Auditorium Parco della Musica and Ghione Theatre of Rome, Teatro delle Erbe of Milan, Piccinni Theatre of Bari, Fermo Festival, Wiener Festwochen, Lublijana Festival, Belgrado University, Zagabria Conservatory, Palais Wittgenstein of Dusseldorf, Cordoba Guitar Festival, Tychy Guitar Festival, Bath Festival, Santo Tirso Festival, Israel Guitar Festival, Tsavta Hall of Tel Aviv, Rebecca Crown Auditorium of Jerusalem, Guitar Festivals of Rome, Ascoli, Milan, Torino, Berlin, Paris, Palencia, Stockholm, Barcelona, Siracusa, Wien, Parma and many others. Recordings and live performances by him have been broadcast by the three TV and radio networks of the RAI, by TeleMontecarlo, Vatican Radio and the national radio and TV broadcasting stations in Yugoslavia, Germany, France, Poland, Holland and Israel. As a member of Concentus Guitar Trio, he has recorded six CD’s for Nuova Era, Ribot Classic, EdiPan and Rivo Alto. The last two chamber music CD issues include the CD “Out of Classic” with the 360° Guitar Duo and the CD “Guitalian Live” with the Guitalian Quartet. Again with the Guitalian Quartet a new interesting CD is going to be published, including Italian contemporary works devoted to the quartet (Sollima, Nicotra, Jappelli, Schiavone, etc). He recorded a CD as soloist for Niccolò label, including a selection of the didactic works by Fernando Sor. Again as soloist his recent important issue is the complete Fantasias by Sor in three CD's for Brilliant Classic. Member of the jury in national and international competitions, he teaches in master classes in Italy and Europe and he is full professor of guitar at Conservatory in Perugia. He is actually the Didactic Director of the Civica Scuola delle Arti, Music Academy in Rome, where he is also teacher of the Post Degree Master. He also takes part in the artistic programming of the Associazione Fabrica Harmonica, working on Symphonic and Chamber Music Seasons, Summer Festivals and other events. He has written “Study Methodology and Technical Exercises for Guitar”, published in 1999 by Santabarbara Musical Edition. In January 2000 he has opened the guitar didactic collection for "Guitart" review, with the publication of the Studies by Fernando Sor, including analysis and scores with phrasing, articulations and fingering. He is completing a second book devoted to the tecnique: “Guitar Investigations” published by Les Production d’Oz (Canada).


JUDICAEL PERROY, chitarra

Nato a Parigi nel 1973, Judicaël Perroy ha iniziato i suoi studi di chitarra presso l'Accademia di Musica di Parigi all'età di sette anni con Raymond Gratien. Un prodigio riconosciuto all'età di undici anni, ha vinto numerosi premi culminati con il suo trionfo nel mese di ottobre 1997 al Concorso Internazionale della Guitar Foundation of America, guadagnandosi il tour delle Americhe, con oltre sessanta concerti e master class. E' molto richiesto come insegnante e giurato in numerosi festival internazionali. I suoi studenti continuano a vincere primi premi in concorsi nazionali, regionali e internazionali di tutto il mondo mentre lui stesso continua ad effettuare concerti in ogni parte del mondo. Ha effettuato molte registrazioni, insegnato presso l'Accademia Nazionale di Aulnay-sous-Bois ed è stato recentemente nominato Docente al polo Superieur di Lille a partire dal settembre del 2011. 



MAURIZIO PREDA
, chitarra

Maurizio Maria Preda è nato a Milano nel 1958 ed ha iniziato giovanissimo lo studio della chitarra col maestro Ruggero Chiesa presso il Conservatorio G.Verdi di Milano, dove si è diplomato nel 1978 col massimo dei voti e la lode. Subito ha intrapreso un’intensa attività concertistica sia come solista, sia in diverse formazioni cameristiche. Collabora stabilmente con la flautista Rosalba Montrucchio e il loro repertorio comprende, oltre a musiche inedite dell’ottocento, brani di compositori contemporanei tra cui Bruno Bettinelli e Riccardo Malipiero, appositamente scritti per loro e a loro dedicati.  Col duo flauto e chitarra ha registrato due dischi per la Ariston (ARLP 12415 AA.VV. Duetti concertanti per flauto e chitarra - ARCL 13108 AA.VV. Flauto e chitarra) e ha suonato in prestigiose sale italiane (sala “Verdi” del Conservatorio di Milano, sala “Bossi” del Conservatorio di Bologna, Palazzo Barberini di Roma, etc) ed europee (Budapest, Belgrado, Spalato, Zurigo, Losanna, etc) . Ha suonato con importanti artisti quali Cecilia Gasdia e Denia Mazzola Gavazzeni, (insieme a lei ha registrato un disco ARLP 12413 G.Donizzetti Canzonette inedite) e i registi Alessandro Quasimodo, Lamberto Puggelli e Lorenzo Arruga. Per anni ha collaborato col M° Giampiero Tintori, Direttore del Museo Teatrale della Scala di Milano. Collabora stabilmente anche col violista e violinista Luigi Alberto Bianchi col quale ha registrato in prima assoluta l’opera completa per violino e chitarra di N.Paganini (Dynamic nove CD). Sempre con Luigi Alberto Bianchi ha tenuto concerti, in Europa, negli Stati Uniti d’America, a Hong Kong e in Taiwan. E’ autore di un libro su G.Donizetti scritto in collaborazione con il musicologo Luigi Inzaghi; ha revisionato il "Centone di sonate" di N.Paganini, in collaborazione con L.A.Bianchi, edito dalla Suvini Zerboni di Milano. Si è specializzato nella didattica per bambini dai tre anni, seguendo il metodo del didatta giapponese Shinichi Suzuki, conseguendo l’Accreditation del V livello nel 2004 sotto la guida del M° Elio Galvagno. Ha contribuito con determinazione alla fondazione della Scuola Suzuki di Pavia che ha diretto dal 1998 al 2002. Dal 1978 insegna Chitarra presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali di Pavia  “Conservatorio Franco Vittadini e dal 2009 ne è anche Direttore. 



ADRIANO WALTER RULLO
, chitarra

Adriano Walter Rullo è nato a Bienne (Svizzera), nel 1964. Ha iniziato i suoi studi di chitarra a Roma con il M° M. Gangi presso il Conservatorio di S. Cecilia dove ha conseguito il diploma con il massimo dei voti nel 1986. Dopo aver proseguito il lavoro con il M° J.L. Lopategui a Barcellona, intraprende nel 1989 un corso di studi con il M° Alberto Ponce presso l’ Ecole Normale de Musique de Paris, dove ottiene nel 1992, il I° premio al Concorso Superiore d’ Esecuzione. Nel 1993 viene premiato con il III° premio, al prestigioso Concorso Internazionale di Radio France, e da allora svolge un’ importante carriera concertistica che lo ha portato ad esibirsi come solista e con orchestra in numerosi festivals di musica in Francia, Italia, Spagna, Svizzera, Argentina (Festival International de Guitare de Paris, Sala Olivier Messiaen della Maison de Radio France di Parigi, Parco della Musica di Roma, Amici della Musica di Palermo, Duomo di Monreale, Politeama di Lecce …….) Ha registrato per la televisione italiana (RAI), per la radio francese (Radio France) e un C.D. Danze per la EM Recording, Dal 1997 al 2006 ha studiato composizione con il M° Eduardo Ogando. Ha partecipato all’esecuzione di Le Marteau sans Maitre di Pierre Boulez con la cantante Alda Caiello, per il Festival Suona Francese, festival proposto dall’Ambasciata di Francia in Italia e da Culturesfrance in collaborazione con “ Il Corriere della Sera” e Radio Tre RAI . Dal 2008 fa parte del PMCE (Parco della Musica Contemporary Ensemble), con cui ha eseguito la prima esecuzione in Italia di Little Imber del compositore georgiano Guiya Kancheli, presso il Parco della Musica di Roma.  E’ il fondatore dell’Ensemble Notturno Concertante con cui ha eseguito in prima mondiale ed in prima italiana, l’opera “ Quintetto Notturno Concertante” per chitarra e quartetto d’archi del compositore italiano Fabio Vacchi, opera tra le più complesse del repertorio cameristico con chitarra, presso il Teatro Municipal di Bahia Blanca(Argentina) e presso il Museo d’Arte Contemporanea MAXXI a Roma. Quest’ultimo concerto è stato recensito in maniera lusinghiera dal critico Sandro Cappelletto sull’ importante rivista Classic Voice del mese di marzo 2013. Ha insegnato presso i conservatori francesi di S. Cloud, Veneux les Sablons, Vulaines sur Seine. Attualmente insegna presso il conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino. Hanno scritto di lui alcune importanti testate giornalistiche europee come Les Cahiers de la Guitare, La Nazione, La Repubblica, Nueva Provincia, Classic Voice . 


CHRISTIAN SAGGESE, chitarra

Christian Saggese suona la chitarra classica, elettrica e la harpguitar (15 corde). Nato a Verona nel 1974, si è avvicinato alla chitarra all'età di undici anni, studiando privatamente con Candido Lodezzano. Successivamente si è iscritto al Conservatorio "A.Vivaldi" di Alessandria, dove nel 1994, ha conseguito il diploma in chitarra con la votazione di "Dieci con lode", sotto la guida di Angelo Gilardino. Ha frequentato l'Accademia Internazionale Superiore di Musica "Lorenzo Perosi" di Biella, conseguendo nel 1997 il Diploma con giudizio di Eccellente. Intrapresa la carriera concertistica nel 1992, ha tenuto concerti in vari paesi europei, sia in veste solistica che in formazioni cameristiche, eseguendo concerti per chitarra ed orchestra di Rodrigo, Castelnuovo Tedesco, Villa Lobos, Giuliani e Bacarisse. Ha svolto l’attivita’ concertistica in Spagna, Portogallo, Germania, Francia, Russia, Inghilterra, Usa e Giappone. Sul suo conto si sono interessate molte testate giornalistiche nazionali ed internazionali: il quotidiano spagnolo "El Pais"lo considera: "...Tra i migliori chitarristi d' Europa". E’ dedicatario di opere composte da musicisti del calibro di Angelo Gilardino. (1995) Secondo premio Concorso Internazionale "Francisco Tarrega" di Benicasim (Spagna); (1999) Primo premio Concorso Internazionale "Andres Segovia" di Almunecar (Spagna); (2001) Primo premio Concorso Internazionale "Vincenzo De Bonis" di Cosenza; (2002) Primo premio Concorso Nazionale "Ebe Cazzaniga Ansalone" di Abbiategrasso (MI); (2002) Vincitore della 35^ edizione del Concorso Internazionale "Michele Pittaluga” di Alessandria. Ha lavorato con Mauricio Kagel, Area, Gyorgy Kurtàg, Jakko Jakszyk, Tony Levin, Adrian Belew, Trey Gunn, Pat Mastelotto, Marco Minneman, Isildurs Bane, Julie Slick, Morgan Agren, Michael Bernier, Mick Karn, Janne Schaffer, Jerry Marotta, Ares Tavolazzi, Mike Keneally, Pamelia Kurstin, Tom Griesgraber, Bjorn J:son Lindh.... 

 


MARCO SOCIAS, chitarra

Così Joaquin Rodrigo commentò la registrazione delle sue opere integrate nel CD per chitarra sola “Elogio de la Guitarra”che Marco Socias registrò nel 1997:Una nuova registrazione delle mie opere per chitarra è sempre motivo di soddisfazione, ma nel caso di questo giovane interprete spagnolo la soddisfazione diventa gioia. Marco Socias offre un percorso profondo ed emozionale attraverso alcune delle mie opere più emblematiche con autentica musicalità e eccellente tecnica. Joaquin Rodrigo, Gennaio 1998.

Originario di Malaga da una famiglia di pianisti, dove ricevette la prima educazione musicale, Marco Socias frequenta successivamente numerosi corsi di perfezionamento presso la Musikhochschule di Colonia (Germania). Tra i maestri che più hanno influito sulla sua formazione ricordiamo Carmen Gallardo, Antonio Company, José Tomás, José Miguel Moreno, e David Russell. All’età di 21 anni conseguì la cattedra di chitarra, posizione molto ambìta ed affollata in Spagna, diventando così il cattedratico più giovane di Spagna. Ha ricevuto riconoscimenti in molti prestigiosi concorsi internazionali di chitarra, come “Infanta Cristina”(Fundación Guerrero, Madrid), nel quale ottenne il primo premio, “Le Printemps de la Guitare”(Belgio) e il Concorso Internazionale di Gargnano (Italia). Viene invitato regolarmente ai maggiori festival internazionali di chitarra e, oltre alla sua intensa attività solistica in tutta Europa, Medio Oriente ed Europa, suona frequentemente in formazioni cameristiche (attualmente collabora con musicisti dell’Orchestra Filarmonica di Berlino) e come solista in orchestre. Si è esibito in famosi teatri come il Concertgebouw di Amsterdam, Philharmonie di Berlìn, Auditorio Nacional (Madrid), Konzerthaus (Vienna), Konzerthaus (Berlino) e Alte Oper (Frankfurt), ed ha suonato come solista in orchestre quali la Radio Sinfonie-Orchester di Berlino, Orquesta Ciudad de Granada, Orquesta Sinfónica de Galicia, Orchestra Regionale del Lazio (Italia), e l’Orquesta Nacional de Cuba. Tra i direttori d’orchestra con cui ha collaborato ricordiamo Josep Pons, Vìctor Pablo Pérez, Odón Alonso e Leo Brouwer. A tutt’oggi ha registrato otto CD, riguardanti principalmente musica spagnola, tra i più recenti, quello edito dall’etichetta Harmonia Mundi, che include il “Concierto de Aranjuez”e “Fantasìa para un Gentilhombre”con la Orquesta Ciudad de Granada diretta da Josep Pons, ed un recital di musiche del maestro Joaquin Rodrigo per la EMI. Il compositore italiano Carlo Domeniconi ha composto e dedicato a Marco Socias le opere “Incontro, “Sonata, quasi una sinfonia”e il Concerto per chitarra e orchestra n. 13. E’ attualmente professore del Centro Superior de Música del Paìs Vasco “Musikene, presso San Sebastián.


ARTURO TALLINI, chitarra

Si è diplomato con il massimo dei voti al conservatorio A. Casella dell’Aquila, con Pasqualino Garzia; nello stesso conservatorio ha studiato Composizione (con Fausto Razzi) e Canto (con Leila Bersiani). Successivamente ha approfondito la sua formazione con Oscar Ghiglia, Alirio Diaz, Arnaldo Graziosi, Josè Tomas e Bruno Battisti D’Amario. Dopo vari riconoscimenti in concorsi nazionali (Parma, Mondovì, Livorno ) e internazionali (Stresa e Alessandria) ha vinto nel 1987 il Primo Premio al Concorso Internazionale di Chitarra Città di Alessandria; nel 1989 il Terzo Premio al prestigioso concorso Internazionale Radio France di Parigi, primo italiano, dopo Oscar Ghiglia,  premiato 30 anni prima, ad ottenere questo riconoscimento. In seguito ha concluso la sua formazione  all’Ecole Normale de Musique Alfred Cortot di Parigi dove, nel 1992,  ha ottenuto all’Unanimità la License Superieur de Concertiste con Alberto Ponce. 

Arturo Tallini è un musicista che persegue l’esplorazione incessante del proprio strumento, anche attraverso l’uso di strumenti alternativi alla chitarra classica come la Scelsitar, di invenzione del musicista,  le sonorità della chitarra midi,  l’improvvisazione e l’elettronica. Iniziata la carriera con la vittoria al prestigioso Concorso Internazionale Città di Alessandria nel 1987, seguita 2 anni dopo dal III premio al Concorso Internazionale Radio France di Parigi, ha tenuto e tiene concerti in tutta Europa, negli Stati Uniti, in Egitto, Algeria e Tunisia. Pur non avendo mai abbandonato il repertorio classico, è oggi considerato un riferimento per la musica contemporanea per chitarra, in Italia e all’Estero. Ha collaborato e collabora con artisti di fama internazionale, dal chitarrista Magnus Andersson, alla cantante Michiko Hirayama, al gruppo di musica contemporanea Modus Novus di Madrid, al Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e il pianista Bruno Canino. E’ ideatore e direttore di Supernova – Otto Talenti e un Direttore che riunisce 8 fra i migliori giovani chitarristi italiani: ensemble coeso e dalla forte identità, che esplora il repertorio contemporaneo, l’improvvisazione, le possibilità dell’elettronica, con al suo fianco l’astratta poesia di J. S. Bach. Nel 2005 ha inciso il suo settimo cd, BLU, con brani a lui dedicati e con la prima incisione assoluta del brano di G. Scelsi Ko-Tha, unanimemente considerato un pezzo ai vertici del virtuosismo strumentale. Sue interpretazioni e interviste vengono regolarmente trasmesse da Radio RAI, Radio Vaticana e Filodiffusione; ha inoltre registrato per Radio France, la Radio Tunisina, la Radio ex-yugoslava, WQED- FM (Pittsburgh, USA), il primo canale televisivo RAI, RADIO BLU, Radio Popolare e Radio Classica. Hanno scritto per lui compositori come M. Bortolotti, F. Razzi, A. Di Scipio, S. Tallini, Vescovo, F. Casti, M. Cardi, P. Esposito, D. Nicolau, F. Cavallone, L. Cinque, G.V. Cresta, M. Coen, M. D’Amico, S. Gacevich, M. Dall’Ongaro, O.J. Garcia, A. Amoroso, G. Boselli, M. Pisati, T. Marco, E. Cocco, M. Morgantini. L’improvvisazione libera, che ha iniziato a esplorare dopo l’esecuzione alla Scuola Civica di Milano della Serenata per un Satellite di B. Maderna, (2007) lo ha portato nel 2011 alla registrazione di Rainbow Inside, cd di 12 improvvisazioni su altrettanti acquerelli del pittore Alessandro Ferraro con la cantante Marilena Paradisi; e alla creazione di un duo stabile di improvvisazione totale con uno dei miti della musica contemporanea mondiale, la cantante giapponese Michiko Hirayama. Ha inoltre tenuto concerti di improvvisazione totale con Eugenio Colombo, Antonio Iasevoli, Michele Rabbia. Da una sua idea è nato il software Improring, realizzato da Jacopo Senigaglia, che permette all’interprete di creare improvvisazioni in tempo reale in autofeedback.; inoltre, sempre su commissione di Arturo Tallini, Federico Scalas, della classe di Musica Elettronica del Conservatorio di Santa Cecilia, ha progettato e realizzato un software di simulazione di un apparecchio radio a onde corte pensato per l’esecuzione di Spiral  di K. Stockhausen.


 

WALTER ZANETTI, chitarra
Chitarrista e artista eclettico, Walter Zanetti si diploma brillantemente al Conservatorio di Bologna G.Martini” presso il quale è docente di chitarra classica. Consegue il Diploma Superiore di Concertista all’ Ecole Normale de Musique “A.Cortot” di Parigi; fra il 1985 e il 1988 vince alcuni fra i più importanti concorsi internazionali per chitarra classica. Si esibisce da allora presentando un vasto repertorio attraverso programmi tematici originali accolti dalla critica musicale con grande apprezzamento. Nel 1990 l’interscambio artistico con il compositore bolognese Giorgio Magnanensi, apre per Walter una nuova fase di sperimentazione musicale: il chitarrista si avvicina all’elettronica, al campionamento e al mixaggio dando forma all’ improvvisazione creativa attraverso l’uso della chitarra elettrica. L’eclettismo che contraddistingue l’attività artistica di Walter Zanetti è testimoniato tra gli altri dal cd “Cantos Yoruba de Cuba” dedicato alla musica afrocubana per sola chitarra che si ispira ai ritmi sacri della Santeria, dal cd-rom “Boite a musique”, dalla sua partecipazione ai progetti discografici a fianco del musicista statunitense Eyvind Kang E’ membro dell’Ensemble Fontana/MIX con il quale affronta un vasto repertorio di musica contemporanea. L’ultimo lavoro discografico è dedicato alle opere originali per liuto di Johann Sebastian Bach che porta a compimento un periodo di approfondimento della prassi esecutiva barocca svolta con il liutista e tiorbista Rolf Lislevand, liutista norvegese Rolf Lisveland, tra i più affermati protagonisti della corrente del cosiddetto barocco mediterraneo.